Crearsi una stanza tutta per sé, anzi uno studio / Alice Munro

«La vita reale non erano la mia casa, i figli, il marito.
Ciò che era reale era la mia scrittura,
come si sviluppava nella mia mente e poi sulla pagina.
Una realtà a cui non ho potuto rinunciare, mai».

Alice Munro soffre di attacchi di panico, ulcera, depressione, è sfinita ma convinta, come Virginia Woolf, che per compiere questo dovere nella scrittura si deve prima uccidere l’Angelo del focolare, l’ombra della donna ideale, vittoriana, sacrificata, buona e pura, anzi è necessario uccidere anche il mito della maternità. Infatti il racconto Lo studio sembra la prosecuzione della stanza tutta per sé. È lei, infatti, che scrive con una mano e con l’altra allontana la figlia di due anni che vuole chiederle qualcosa. Lei, Nobel per la Letteratura del 2013, nasconderà per anni questo suo mestiere ad amici e parenti e scriverà mordendo scampoli di tempo rubati alle figlie, al sonnellino pomeridiano delle stesse. Ma a lei la stanza non è più sufficiente, Alice vuole di più. Lei ha bisogno di uno studio tutto suo. Uno studio in cui portare solo un tavolino, dei fogli, una macchina da scrivere, un bollitore per fare il caffè. Un luogo dove scrivere il proprio manifesto, libro, e combattere contro il tarlo della paura e la marginalità del fatto di non essere riconosciute come scrittrici. Un manifesto mai arrabbiato, un libro fatto di tanti racconti che indagano i rapporti umani che decidono, etichettano, condannano una scrittrice all’anonimato. Un anonimato da combattere non per pura sete di successo ma semplicemente per rispettare la vera essenza che ci abita e ci guida e guida la punta incandescente della nostra penna.

«La soluzione alla mia vita mi venne in mente una sera mentre stiravo una camicia. Era semplice ma audace. Mi presentai in soggiorno dove mio marito stava guardando la televisione e dissi: – Ho pensato che dovrei avere uno studio. Sembrava un’idea stravagante perfino a me. Che cosa me ne faccio di uno studio? Ho una casa: è bella, spaziosa e ha la vista sul mare; offre vani adatti a mangiare e dormire, farsi un bagno e chiacchierare con gli amici. Ho anche un giardino, lo spazio non manca. No. Ma a questo punto arriva la dichiarazione non facile: sono una scrittrice. Detto così non suona bene. Troppo presuntuoso; fasullo, o quantomeno poco convincente. Riproviamoci. Scrivo. Va meglio? Cerco di scrivere. Così è anche peggio. Falsa modestia. Dunque?».

continua